Home>Servizi Legali>Utilità>Enti del Terzo Settore

Enti del Terzo

Gli Enti che intendono rientrare nella disciplina giuridica degli ETS devono, oltre che iscriversi al RUNTS, inserire obbligatoriamente nella propria denominazione la dicitura Ente del Terzo Settore o l’acronimo ETS (circolare ministero del lavoro 20/2018).

 

Organizzazioni di volontariato (artt. 32-34 CTS)

 

Svolgono una delle attività di cui all’art. 5 del CTS in favore di terzi soggetti, avvalendosi in maniera prevalente della collaborazione dei volontari propri associati o delle persone aderenti a Enti associati.

 

Costituzione e struttura

Le organizzazioni di volontariato assumo la forma delle associazioni, sia riconosciute che non riconosciute, e sono costituite da almeno sette persone fisiche o tre organizzazioni di volontariato.

Gli amministratori sono scelti tra le persone fisiche associate.

Se successivamente alla costituzione viene meno il numero minimo di soci e non è ricostituito entro un anno, l’ ODV verrà cancellata dal Registro (a meno che non chieda di essere iscritta in un’altra sezione per cui non sia richiesto un numero minimo di associati).

 

La denominazione sociale dell’Ente deve contenere obbligatoriamente la locuzione ‘Organizzazione di Volontariato’ o l’acronimo ‘ODV’.

E’ fatto divieto agli Enti che non sono iscritti nell’apposita sezione di utilizzare o riportare impropriamente la denominazione ‘Organizzazione di Volontariato’ o ‘ODV’ nel nome.

 

Lavoro e risorse

Le ODV possono assumere dipendenti o avvalersi delle prestazioni di lavoratori autonomi nei limiti strettamente necessari al regolare funzionamento della struttura o nei limiti occorrenti a formare e professionalizzare i soggetti operanti nell’Ente.

In ogni caso, come per tutti gli ETS, il numero di lavoratori subordinati o autonomi non deve superare il 50% dei volontari.

I volontari, per l’attività svolta in favore dell’ODV, possono richiedere il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate.

 

Per lo svolgimento dell’attività di interesse generale, le ODV possono richiedere esclusivamente il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate.

Per lo svolgimento di attività secondarie e correlate a quelle di interesse generale le ODV possono richiedere un congruo compenso (ciò vale anche per gli amministratori e le cariche sociali, che non possono ricevere alcun compenso).

 

Le ODV possono ottenere le proprie risorse da:

- quote associative;

- contributi pubblici e privati;

- donazioni e lasciti testamentari;

- rendite patrimoniali;

- raccolta fondi;

- attività secondarie e correlate ex art. 6 CTS.

 

 

 

Associazioni di Promozione Sociale (artt. 35-36)

 

Svolgono una delle attività di cui all’art. 5 del CTS in favore dei propri associati o delle persone aderenti agli enti associati, di loro familiari o di terzi, avvalendosi in modo prevalente della collaborazione dei volontari propri associati

 

Costituzione e struttura

Le Associazioni di Promozione Sociale assumono forma delle associazioni, sia riconosciute che non, e sono costituite da almeno sette persone fisiche o tre APS.

Se successivamente alla costituzione viene meno il numero minimo di soci e non è ricostituito entro un anno, l’ ODV verrà cancellata dal Registro (a meno che non chieda di essere iscritta in un’altra sezione per cui non sia richiesto un numero minimo di associati).

 

La denominazione sociale dell’Ente deve contenere obbligatoriamente la locuzione ‘Associazione di Promozione Sociale’ o l’acronimo ‘APS’.

E’ fatto divieto agli Enti che non sono iscritti nell’apposita sezione di utilizzare o riportare impropriamente la denominazione ‘Associazione di Promozione Sociale’ o l’acronimo ‘APS’. nel nome.

 

In ogni caso non possono essere APS:

- circoli privati;

- associazioni comunque denominate che dispongono limitazioni economiche o discriminazioni di qualsiasi natura in relazione all’ammissione degli associati;

- associazioni comunque denominate che prevedono il trasferimento della quota associativa;

- associazioni comunque denominate che collegano la partecipazione sociale alla titolarità a quote o azioni di natura patrimoniale.

 

Lavoro e risorse

Le APS possono avvalersi di lavoratori dipendenti o autonomi (anche associati) al solo fine di svolgere l’attività istituzionale di interesse generale.

In ogni caso il numero di lavoratori dipendenti e autonomi, benchè associati, non deve superare il 50% dei volontari.

 

Enti Filantropici (artt. 37-39 CTS)

 

Svolgono attività di finanziamento, investimento e sostegno a categorie di soggetti svantaggiati o ad attività di interesse generale.

 

Costituzione e struttura

Gli Enti Filantropici assumo la forma di associazioni riconosciute e fondazioni e nella propria denominazione devono riportare la locuzione ‘Enti Filantropici’. In ogni caso è fatto divieto agli Enti non iscritti nell’apposita sezione del Registro di utilizzare la denominazione ‘Ente Filantropico’.

 

Risorse

Gli Enti Filantropici ottengono le proprie risorse da contributi pubblici e privati, donazioni e lasciti testamentari, rendite patrimoniali e attività di raccolta fondi.

 

Gli atti costitutivi degli Enti Filantropici devono contenere i principi e le modalità di gestione del patrimonio, delle attività di raccolta fondi, nonché di finanziamento e investimento (erogazione denaro, beni e servizi) alle categorie svantaggiate o a favore di attività di interesse generale.

 

Il bilancio degli Enti Filantropici deve contenere l’elenco degli import e delle erogazioni deliberate ed effettuate nel corso dell’esercizio, con indicazione dei beneficiari diversi dalle persone fisiche.

 

 

Reti Associative (art. 41 CTS)

 

Le reti associative sono Enti del Terzo settore costituiti in forma di associazione, riconosciuta o non riconosciuta, che:

- associano, anche indirettamente attraverso gli enti ad esse aderenti, un numero non inferiore a 100 enti del Terzo settore, o, in alternativa, almeno 20 fondazioni del Terzo settore, le cui sedi legali o operative siano presenti in almeno cinque regioni o province autonome;

- svolgono, anche attraverso l'utilizzo di strumenti informativi idonei a garantire conoscibilità e trasparenza in favore del pubblico e dei propri associati, attivita' di coordinamento, tutela, rappresentanza, promozione o supporto degli enti del Terzo settore loro associati e delle loro attività di interesse generale, anche allo scopo di promuoverne ed accrescerne la rappresentatività presso i soggetti istituzionali.

 

 

Le reti associative possono promuovere partenariati e protocolli di intesa con le pubbliche amministrazioni e con soggetti privati.

 

E' condizione per l'iscrizione delle Reti Associative nel RUNTS che i rappresentanti legali ed amministratori non abbiano riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l'interdizione dai pubblici uffici.

L'iscrizione, nonchè la costituzione e l'operatività da almeno un anno, sono condizioni necessarie per accedere alle risorse del Fondo per il finanziamento delle attività di interesse generale (art. 72 CTS) che, in ogni caso, non possono essere destinate, direttamente o indirettamente, ad enti diversi dalle organizzazioni di volontariato, dalle associazioni di promozione sociale e dalle fondazioni del Terzo settore.

Reti Associative Nazionali

Sono reti associative nazionali le reti associative che associano, anche indirettamente attraverso gli enti ad esse aderenti, un numero non inferiore a 500 enti del Terzo settore o, in alternativa, almeno 100 fondazioni del Terzo settore, le cui sedi legali o operative siano presenti in almeno dieci regioni o province autonome.

Le Reti Associative Nazionali possono esercitare, oltre alle proprie attività statutarie, anche le seguenti attività:

- monitoraggio dell'attività degli enti ad esse associati, eventualmente anche con riguardo al suo impatto sociale, e predisposizione di una relazione annuale al Consiglio nazionale del Terzo settore; - promozione e sviluppo delle attività di controllo, anche sotto forma di autocontrollo e di assistenza tecnica nei confronti degli enti associati.

 © Avvocato Valentina Mosca | Tutti i diritti son riservati
  • Facebook - cerchio grigio
  • LinkedIn - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio