Home>Servizi Legali>Utilità>Il Registro Unico

Il Registro Unico

1. Struttura

Il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore è istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e sarà gestito su base territoriale con la collaborazione di regioni e province.

Dovrebbe diventare effettivamente operativo da fine 2019 (siamo in attesa dei decreti attuativi).

 

Il RUNTS si compone delle seguenti sezioni:

  • Organizzazioni di Volontariato;

  • Associazioni di Promozione Sociale;

  • Enti Filantropici;

  • Imprese Sociali (comprese le cooperative sociali);

  • Reti Associative;

  • Società di mutuo soccorso;

  • altri Enti del Terzo Settore.

Nessun ETS può essere iscritto contemporaneamente a più sezioni, ad eccezione delle Reti Associative.

2. Iscrizione

 

La domanda di iscrizione è presentata dal legale rappresentante dell’ETS all’ufficio della regione o provincia autonoma in cui l’Ente ha la sede legale. Le Reti di Associazione devono presentaare la richiesta presso l’Ufficio Statale.

 

Bisogna depositare Atto costitutivo e statuto, altri eventuali allegati e indicare la sezione nella quale si intende iscrivere l’Ente.

 

Entro 60 giorni dalla presentazione della domanda L’Uffico del Registro può:

 

  • iscrivere l’Ente;

  • richiedere ulteriore documentazione;

  • rigettare la richiesta (possibile presentare ricorso al Tribunale amministrativo territorialmente competente).​

 

N.B. - Silenzio assenso

​​​In ogni caso decorsi 60 giorni dalla presentazione della domanda o dall’integrazione die documenti, la domanda si intende accolta.

​3. Contenuto e aggiornamento

​Per ciascun Ente iscritto al RUNTS devono risultare le seguenti informazioni:

  • denominazione;

  • forma giuridica;

  • sede legale sedi secondarie o operative;

  • data di costituzione;

  • attività di interesse generale di cui all’art. 5;

  • codice fiscale e/o partita iva;

  • possesso personalità giuridica e patrimonio minimo;

  • generalità soggetti che hanno la rappresentanza legale dell’Ente;

  • generalità dei soggetti che occupano cariche sociali e relativi poteri e limitazioni.

 

​Inoltre devono essere inserite nel RUNTS tutte le modifiche inerenti atto costitutivo e statuto, nonché le deliberazioni relative a trasformazioni, scissioni, fusioni., scioglimento, liquidazione o estinzione, nonché l’acquisto della personalità giuridica.

​​Entro 30 giorni da ciascuna modifica devono essere depositati gli atti interessati o i verbali contenenti le deliberazioni di cui sopra.

​Infine, entro il 30 giugno di ogni anno devono essere depositati i rendiconti e i bilanci (artt. 13 14 CTS) e i rendiconti delle attività di raccolta fondi.

N.B.

​Il deposito della documentazione necessaria a richiedere l’iscrizione al RUNTS e ad assicurarne la permanenza è onere degli amministratori ai sensi dell’art. 2630 c.c. [Chiunque , essendovi tenuto per legge a causa delle funzioni rivestite in una società o in un consorzio, omette di eseguire, nei termini prescritti, denunce, comunicazioni o depositi presso il registro delle imprese, ovvero omette di fornire negli atti, nella corrispondenza e nella rete telematica le informazioni prescritte dall'articolo 2250, primo, secondo, terzo e quarto comma, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 103 euro a 1.032 euro. Se la denuncia, la comunicazione o il deposito avvengono nei trenta giorni successivi alla scadenza dei termini prescritti, la sanzione amministrativa pecuniaria è ridotta ad un terzo. Se si tratta di omesso deposito dei bilanci, la sanzione amministrativa pecuniaria è aumentata di un terzo]

 © Avvocato Valentina Mosca | Tutti i diritti son riservati
  • Facebook - cerchio grigio
  • LinkedIn - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio